TIVOLI 1919 in testa al campionato il DS sabucci: “siamo sulla strada giusta”

0

Dalle ceneri alla resurrezione in breve tempo. Questa è la recente storia sportiva della Tivoli Calcio 1919, che appena 6 mesi fa affondava in Prima Categoria dopo un solo anno di Promozione. Ora la formazione tiburtina è rinata, grazie all’avvento del patron Cicolani e di una dirigenza che ha da subito rilanciato il grande calcio a Tivoli. I risultati di questo inizio stagione sotto la guida del neo tecnico Pierangeli sono entusiasmanti, e in città si torna finalmente a sognare in grande. Abbiamo scambiato due chiacchere con il “baffo” Sabucci, in un’intervista in cui il ds ci illustra il punto della situazione in casa Tivoli 1919.
Pino, buongiorno. Una partenza entusiasmante per la Tivoli. Come descriveresti il momento attuale e l’ambiente che si respira all’interno del club? “L’ambiente è ottimale per poter fare calcio, la Tivoli 1919 è una famiglia dove tutti collaborano e si adoperano per lo stesso intento. La condizione della squadra è molto buona, c’è tanto entusiasmo e un gruppo che si allena seriamente e disciplinatamente”.
Cosa è cambiato rispetto allo scorso anno? “Innanzitutto la collaborazione con l’entourage dell’Aniene Calcio, un fattore ottimale con l’acquisizione di uno staff preparato. Focalizzerei l’attenzione sul fatto che, finalmente, la Tivoli Calcio 1919 ha un suo settore giovanile vero e proprio, dove i ragazzi possono crescere calcisticamente con la prospettiva di poter fare tutta la trafila fino alla prima squadra”.
Cosa ha portato di nuovo mister Pierangeli all’interno del gruppo e sul fronte della mentalità? “L’allenatore ha messo a disposizione della Tivoli tutta la propria professionalità ed esperienza”.
Le prestazioni dei singoli stanno facendo la differenza. I nuovi acquisti si sono integrati alla grande col gruppo storico e questa rosa sembra essere attrezzata per competere in categorie superiori. Sei d’accordo? “Personalmente direi che le prestazioni del gruppo stanno facendo la differenza, i nuovi arrivati si sono integrati alla perfezione, ma su questo non avevo dubbi. Per quanto riguarda il discorso della categoria, manteniamo la calma e andiamo avanti passo dopo passo, con i piedi ben piantati per terra”.
Per quanto ti riguarda, sei giunto al quarto anno consecutivo al servizio di questa società. Possiamo dire che con la nuova proprietà è cambiato qualcosa rispetto alla passata gestione? E questa evoluzione e conduzione possono portare a una definitiva risalita per i colori amarantoblù? “Penso che il vero cambiamento è, come già detto, possedere finalmente un settore giovanile ed un campo a disposizione per i ragazzi. Siamo sulla strada giusta, anche se c’è ancora tanto da lavorare. Questi colori meritano ben altri palcoscenici e stiamo impegnandoci per poterli raggiungere nel più breve tempo possibile. E, per tutto quello che già ti ho elencato, mi sbilancio e mi pronuncio sul fatto che questo per forza di cosa dovrà rappresentare il nostro anno zero”.
Quanto ha influito su questa straordinaria partenza in campionato il ritorno allo storico campo degli Arci e un gruppo di tifosi sempre più caloroso e vicino alla squadra? “I tifosi ci danno un apporto importante e costante con la loro presenza sia in casa che in trasferta, per noi rappresentano il tredicesimo uomo in campo e sono una componente fondamentale per i nostri successi. Anche se questo può essere interpretato come una frase fatta o un luogo comune, ci tengo a sottolineare che in realtà rispecchia in pieno la realtà dei fatti. L’ Olindo Galli è la casa della Tivoli Calcio 1919 e giocarci regala una carica ulteriore alla nostra squadra”.
La mano di Pino Sabucci su questa creatura? Dopo tanti anni nel mondo del calcio questo è per te un punto di arrivo o di partenza? “Più che della mia mano, parlerei della ‘’nostra’’ mano, perché gli obiettivi si conseguono remando tutti nella stessa direzione, giocatori, staff tecnico, dirigenti e presidenza. Punto di arrivo o di partenza? Si vedrà col tempo, intanto Forza Tivoli Calcio 1919”.

Alessandro Galastri

Comments are closed.